Logo Comunanza Agraria Appennino Gualdese
  • slide home 01 Madonnuccia-di-notte
  • slide home 02 Serrasanta
  • slide home 03 Lupi Fontanile
  • slide home 04 Uomo Di Sasso
  • slide home 05 Scoiattolo

Che cosa sono gli usi civici e cos'è la Comunanza Agraria dell'Appennino Gualdese?

 

Gli Usi civici sono diritti collettivi di godimento che gli abitanti di un comune, o di una sua frazione, esercitano sulle terre appartenenti al Comune,alla frazione o ai privati: attraverso

i secoli si sono conservati come diritti essenziali per le condizioni di vita degli abitanti di un paese montano, in particolare quelli di ''pascere e legnare", cioè diritto a far pascolare
il bestiame, raccogliere fieno e far legna, per non dire del diritto primario all'acqua delle sorgenti.

L'Appennino Gualdese è costituito da un complesso di beni soggetti ad uso civico, proprietà della popolazione di Gualdo Tadino, titolare "ab immemorabile" di tali diritti tanto che quando, per lo stato di insolvenza del Comune, lo Stato Pontificio ne dispose la vendita all'asta, nel rogito del notaio Nicola Fratachi del 9 ottobre 1805, fu dichiarato che "nella vendita dei suddetti beni si intende espressamente riservato il jus pascendi ed il jus legnandi e qualsiasi altro diritto
o servitù che a qualunque persona o corpo in qualunque modo potesse competere sopra i predì medesimi".

Dopo lunghe trattative, su istanza del Sindaco Ugo Guerrieri e di un gruppo di Commissari per conto dei cittadini Utenti, in virtù della Sentenza della Giunta d'Arbitri di Foligno del 14 maggio 1893Sentenza della Giunta d'Arbitri di Foligno del 14 maggio 1893 in esecuzione della legge 24 giugno 1888, N. 5489, i diritti di uso civico gravati sugli stessi beni furono riscattati e assoggettati ad enfiteusi, con un canone annuo di Lire 4.400 di cui il Comune di Gualdo Tadino era garante.

Poiché tale onere non poteva essere assunto dal Comune in quanto i suoi abitanti, per ovvie ragioni, erano diversamente interessati al godimento ed all'esercizio dei diritti sulla montagna, con atto del Comune del 25 ottobre 1896 per la loro gestione fu costituita la Comunanza Agraria "Amministrazione dell'Appennino Gualdese ", gestione separata ed autonoma dal Comune.

Negli anni seguenti la Comunanza, non solo ha garantito il pagamento del canone di enfiteusi, ma ha affrancato gli stessi beni anche dei relativi diritti di proprietà, diventandone proprietaria a tutti gli effetti, con atto del 8 Giugno 1959, rogito del notaio Carlo Nannarone di Roma.

(Per la costituzione dell'Ente si rimanda alle deliberazioni del Consiglio Comunale del 25/11/1893, 30/3/1894, 29/08/1894, 16/11/1893 ed 08/01/1895).

Tags: Comunanza Appennino Gualdese, Usi Civici, Domande

Acqua e valle della Rocchetta - Storia, documenti e sviluppi futuri: